Ibrahim ag Idbaltanat

“È sempre possibile risolvere i conflitti senza violenza, e nessuna situazione può giustificare il ricorso alla violenza, poiché la violenza è debolezza in quanto l’uso della violenza porta solo, prima o poi, a più violenza”.

Affrontando la pratica di lunga data dei Touareg di pelle nera ridotti in schiavitù dai Touareg di pelle bianca, Ibrahim ag Idbaltanat offre un sistema sociale alternativo basato sulla fraternità e sull’eredità condivisa per riunire le comunità Touareg nel nord del Mali. Lo stigma e la discriminazione legati all’identità della casta degli schiavi, unitamente alla questione dell’isolamento, hanno rallentato la reazione della società civile e del governo. Ibrahim sta riempiendo il vuoto e sta aiutando le comunità a riconsiderare e ricreare ciò che significa essere un Touareg.

Nato da una famiglia di Touareg di pelle nera nel Mali nord-orientale, Ibrahim ha subito la discriminazione e lo stigma che affligge le comunità Touareg. Mentre frequentava l’università a Bamako, tornò nel suo villaggio quando una scuola per bambini Touareg di pelle nera fu chiusa da leader Touareg di pelle bianca. Convinse così la comunità a rimandare i loro figli a scuola assumendosi la responsabilità di essere un insegnante. Quell’esperienza gli fece comprendere quanto le abitudini profondamente radicate della sottomissione alla gerarchia sociale e le complesse realtà sociali ed economiche della regione impedissero a molte persone di raggiungere il loro pieno potenziale.

Dopo aver lavorato su progetti della società civile in quella regione e aver visitato un’iniziativa di auto-sviluppo della comunità nella regione di Yatenga nel Burkina Faso, ha fondato GARI, una società con sede nel Mali settentrionale. Cominciò a consentire agli insediamenti sparsi di Touareg di pelle nera, di creare scuole come primo passo per fornire una nuova prospettiva ai figli delle famiglie che avevano sempre accettato la schiavitù per i membri privilegiati della comunità. Questa interazione ha generato le riunioni e i forum che hanno dato origine al movimento anti-schiavitù di Ibrahim, incarnato nella sua associazione Temedt. Temedt crede in un legame tra Touareg di ogni etnia nel segno della fraternità e di un patrimonio culturale condiviso. I membri dell’associazione si identificano non come Touareg ma come Temedt, illustrando l’applicabilità della visione e della missione di Ibrahim al problema della schiavitù.

Temedt sta reclutando membri tra i circoli sociali e lavorativi del Mali e sta usando la stampa per raggiungere cittadini comuni, organizzazioni sociali e governo.

Il problema

La distinzione degli schiavi, istituita alla nascita, è profondamente radicata nelle menti dei Touareg di pelle nera e non è messa in discussione. Trattando la loro schiavitù come permanente e naturale, quelli considerati schiavi spesso non immaginano un futuro diverso dal servire i loro padroni. Allo stesso modo, i Touareg di pelle bianca considerano la loro posizione privilegiata come naturale ed esigono la sottomissione dai membri di pelle nera. Il divario culturale tra il nord e il sud del Mali è ben marcato; le persone che vivono in ogni regione non condividono un’identità civica, né interagiscono ampiamente. Il silenzio all’interno delle comunità di Touareg, unito all’isolamento del nord del Mali, ha reso la pratica quasi invisibile al resto del paese, dal livello della società civile fino al livello del governo.

Le organizzazioni sociali in questa regione hanno avuto poca interazione con la schiavitù a causa della sua soppressione. Storicamente, i Touareg di pelle nera non credevano di avere il diritto di contestare la loro posizione, e rimasero bloccati in un sistema sconosciuto a coloro che potevano prendere le loro difese. Ciò ha anche ripercussioni sugli aiuti e l’assistenza forniti alla regione per carestie e altre crisi. Ad esempio, il cibo fornito alle comunità Touareg durante le stagioni secche viene distribuito ai leader – Touareg di pelle bianca – che favoriscono altri Touareg di pelle bianca e ignorano i bisogni dei membri di pelle nera. Inoltre, la spesa pubblica per l’istruzione è determinata dai leader Touareg di pelle bianca; le loro scuole progrediscono e lasciano le scuole di alunni di pelle nera, arretrate e carenti. Senza comprendere le implicazioni storiche della schiavitù e il suo effetto sul benessere sociale, le organizzazioni sociali non possono aiutare efficacemente la regione.

L’ignoranza istituzionale si estende ai più alti livelli di governo, la cui inazione ed elusione sostengono inevitabilmente il sistema degli schiavi. La sensibilità derivante dalla ribellione armata nel nord, guidata da Touareg di pelle bianca contro il governo, rende l’amministrazione pubblica incapace di affrontarli su un argomento controverso e tabù come la schiavitù. Questo sistema inoltre offre privilegi e vantaggi economici a cui la maggior parte dei Touareg di pelle bianca non sarebbe disposta a rinunciare, specialmente, su richiesta dello Stato. Mentre l’insurrezione tra i Touareg non è stata collegata alla schiavitù ma a divisioni culturali più profonde tra il nord e il sud e la mancanza di rappresentanza settentrionale nel governo, i funzionari amministrativi preferiscono ridurre al minimo le tensioni. Il risultato è il rifiuto di ammettere l’esistenza della schiavitù nella misura in cui viene ignorata nelle conversazioni sui diritti umani. Pertanto, qualsiasi discussione sulla schiavitù è esclusa dal campo legislativo, non dando ai Touareg di pelle nera alcun appiglio legale per affrontare l’abuso e lo sfruttamento.

L’idea di Ibrahim ag Idbaltanat

Per far fronte alla diffusa negazione del sistema degli schiavi, da parte anche degli stessi schiavi, Ibrahim ha dovuto convincere i Touareg a riconoscere che la schiavitù esisteva, ed era un problema. Ibrahim ha riunito i Touareg di pelle nera per una discussione e riflessione e alla fine ha invitato l’intera comunità a partecipare. In incontri sia privati ​​che pubblici, eventi pubblici come corsi di formazione, forum ed eventi culturali, incoraggia il dialogo all’interno della comunità per riconoscere il sistema e il suo danno, sia per gli individui che per la comunità di Touareg.

Questo approccio rende la schiavitù di pubblico dominio e promuove la visione di Ibrahim per un nuovo tipo di comunità Touareg: una comunità che abbraccia tutti i suoi membri, indipendentemente dal colore della pelle.

Una volta che l’abolizione della schiavitù ha messo radici nei gruppi Touareg, Ibrahim ha avvicinato le organizzazioni dei cittadini per stabilire la necessità di agire, specialmente all’interno dei circoli professionali. Il movimento degli schiavi all’interno delle comunità Touareg del nord ha portato alla fondazione di Temedt (che significa “ombelico” nella lingua Touareg di Tamacheq: l’associazione del popolo maliano Tamacheq nero. La fiorente adesione ha portato volontari entusiasti a creare uffici sul campo in tutto il paese per sostenere nuove sedi. Ibrahim e Temedt si sono collegati con organizzazioni i cui obiettivi includono l’anti-schiavismo, e questo ha permesso loro di attingere a risorse e reti esistenti per promuovere la loro causa. Costruendo una rete di partner e sostenitori ha contribuito alla crescita della base organizzativa, e alla crescente istituzionalizzazione del problema.

Con sufficiente supporto e visibilità da parte della comunità, Ibrahim ha fatto appello al governo per ottenere supporto. Con l’amministrazione e altri rappresentanti della società civile, Ibrahim sta ora lavorando alla prima legge in Mali per criminalizzare la schiavitù. Dopo aver ottenuto il sostegno istituzionale e legislativo, il movimento di Ibrahim incorporerà la difesa legale degli schiavi, lo sviluppo economico per le comunità di Touareg di pelle nera e la sensibilizzazione all’interno del sistema educativo.

La strategia

Ibrahim affronta il problema della schiavitù a tre livelli: di base, società civile e governo. L’attivismo di Ibrahim è fondato sulla sensibilizzazione tra i Touareg di pelle nera. La questione della schiavitù è così controversa che assemblee e conferenze pubbliche erano in precedenza inconcepibili. La paura, l’oppressione e la solitudine hanno ridotto al minimo tutte le sfide del sistema. Sapeva che solo la discussione della comunità e il sostegno della forza nei numeri avrebbero fatto sì che i membri di pelle nera rinunciassero alla loro identità di schiavi. Questa era la chiave per abolire il sistema degli schiavi e spostarsi verso un’identità Touareg condivisa.

A partire da incontri privati ​​e passando a corsi di formazione pubblici più ampi, forum, discussioni, festival culturali di Touareg e altre attività della comunità, Ibrahim incoraggia il dialogo pubblico; precedentemente riservato e isolato. Questi eventi riuniscono Touareg di pelle nera da un certo numero di famiglie e villaggi creando così una base di comunità e di difesa. La palese sfida pubblica alla schiavitù, sia da parte dei Touareg di pelle nera che di Ibrahim, ha sollevato domande sulla sua sicurezza personale. Per garantire la sicurezza e aumentare la legittimità, invita a partecipare funzionari del governo locale, rappresentanti delle organizzazioni sociali e leader bianchi di Touareg. Con alta visibilità e grande affluenza alla comunità, la maggior parte dei suoi inviti non viene rifiutata per paura di vergogna e / o imbarazzo.

La popolarità di questi forum e la diffusa sensibilizzazione creano una grande base di sostenitori e promotori del movimento di Ibrahim. Temedt è stata fondata sotto una visione comune – la fratellanza Touareg – dando per la prima volta una voce pubblica ai Touareg di pelle nera. Ci sono uffici sul campo in tutto il Mali settentrionale, gestiti da volontari e attivisti che promuovono cambiamenti sociali pacifici e una cultura comune nelle loro comunità. Con la crescita dell’adesione, vengono istituiti sedi in altre aree del paese, compreso il sud, e si stanno svolgendo attività di advocacy presso i gruppi non Touareg, insieme a richieste di aiuto da parte delle principali organizzazioni sociali. Attraverso l’apertura di nuove sedi in nuove regioni, incontri pubblici nella comunità, conferenze e altri eventi ospitati dall’organizzazione, Temedt vanta ora 20.000 membri, con 14.000 quote di pagamento.

Grazie all’attivismo di Temedt, l’esistenza della schiavitù viene sempre più riconosciuta nella cittadinanza. Il ceto medio del Mali settentrionale e meridionale, nonché le organizzazioni sociali, stanno diventando più consapevoli del problema e della necessità di affrontarlo. Incapaci di ignorare questo cambiamento nella percezione pubblica, i funzionari del governo stanno lavorando con Ibrahim e altri per abolire la pratica. Lobbismo, patrocinio a livello esecutivo e “vergogna” – usando aneddoti sull’abuso di schiavi – sono stati usati anche per suscitare la partecipazione del governo. È stato formato un gruppo di lavoro parlamentare per creare una legge che criminalizza la schiavitù in Mali. Ciò aprirà le strade della difesa legale degli schiavi e della diffusione di Temedt ad altri livelli istituzionali, come l’istruzione. Per raggiungere pienamente l’abolizione del sistema degli schiavi, Ibrahim prevede di aiutare le comunità di Touareg di pelle nera a raggiungere il loro pieno potenziale attraverso lo sviluppo economico. La creazione di villaggi Touareg di pelle nera fisicamente e legalmente separati (dai Touareg dominanti di pelle bianca) è un passo intermedio volto ad aiutare i Touareg di pelle nera a imparare a costruire beni e ottenere diritti di proprietà, aprendo al contempo l’accesso ai programmi di microcredito per sostenere la generazione di reddito. Inoltre, rendere la scuola accessibile a più bambini Touareg di pelle nera aumenterà le opportunità educative e fornirà ai bambini e alle loro famiglie un’alternativa all’identità di uno schiavo.

Spread the word. Share this post!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.